Tecnologie mobile per l'implementazione di un programma di cambiamento volontario del comportamento di viaggio

Year 
2015/2016
Author 
Francesco Piras
Rapporteur 
Correlator 
Benedetta Sanjust di Teulada
Description 

L’uso intensivo dell’auto come mezzo di trasporto genera numerosi problemi all’ambiente, alla vita urbana e all’accessibilità delle città. Esiste perciò la necessità di sviluppare strategie mirate alla riduzione dell’uso dell’autovettura privata a favore di stili di mobilità maggiormente sostenibili. Già da diversi anni sono state messe in campo politiche di intervento che, agendo sulle caratteristiche della domanda, mirano a modificare i comportamenti di viaggio degli utenti (TDM - Travel Demand Management). A questo proposito la ridotta disponibilità di investimenti nel settore infrastrutturale, hanno favorito il successo di strategie di carattere comportamentale, dette soft measures, che puntano a rendere più “intelligenti” i comportamenti di viaggio e di guida degli utenti, all’utilizzo di alternative di trasporto sostenibili (uso del trasporto collettivo, bicicletta, piedi, car sharing, car pooling, etc.). Tra queste misure rientrano i programmi per il cambiamento volontario del comportamento di viaggio (Voluntary Travel Behaviour Change (VTBC) Programmes), che utilizzano l’informazione e la comunicazione per incoraggiare le persone al cambiamento comportamentale: sono misure che agiscono direttamente sulle loro attitudini e stile di vita e possono persuadere gli individui a lasciare l’auto per altre modalità più sostenibili. Questo tipo di misure, se attivate su larga scala, possono essere onerose. Tuttavia la tecnologia può contribuire all’implementazione di programmi VTBC, mantenendo lo stesso livello di efficacia a costi contenuti. Mediante il sistema GPS possono essere raccolti un gran numero di informazioni, sia spaziali che temporali, molto precisi, sugli spostamenti e attività delle persone. Questi dati, così accurati, consentono di ottenere un alto livello di personalizzazione. Inoltre la diffusione degli smartphone e la nascita di applicazioni a loro dedicate consente, mediante tecniche mutuate dalla persuasive technology, di incidere sul comportamento dei singoli individui.  L’obiettivo centrale della tesi è proprio quello di implementare un programma di cambiamento volontario del comportamento di viaggio, 1) fornendo informazioni personalizzate su come spostarsi in modo sostenibile, 2) raccogliendo dati su chi si sposta in modo già sostenibile e 3) verificando l’efficacia e l’efficienza delle tecniche proprie dei programmi VTBC. In particolare la ricerca effettuata testa l’efficacia della tecnologia sia come strumento di raccolta dati, sia come mezzo per persuadere gli individui a scegliere modalità di trasporto sostenibili.